Torino 2020 Capitale dell’Economia Circolare


(Tempo di lettura 2 minuti)

Torino, città interessata da grandi processi di riconversione industriale e urbanistica, si è candidata a Capitale dell’Economia Circolare del 2020, con un progetto che si svilupperà attraverso un programma di convegni, laboratori, mostre e installazioni che coinvolgeranno il mondo artistico, scientifico ed economico da settembre a dicembre del prossimo anno.

Per lanciare il progetto, il Comune di Torino ha varato la Preview 2019 Circular Economy & Art, visitabile fino al 7 gennaio (date e orari possono variare per le singole opere).

L’iniziativa si compone di 8 installazioni artistiche, collocate in zone simboliche della città, piazze e cortili storici ma anche edifici delle aziende municipalizzate e a partecipazione pubblica che partecipano, a vario titolo, ai processi di gestione ambientale della città.

Le opere interpretano il tema dell’economia circolare e quindi la necessità di reimpiego dei materiali di scarto dei processi di produzione e dei prodotti giunti al loro fine vita ma anche degli spazi non più utilizzati, assieme a quella di un uso sostenibile delle risorse naturali indispensabili per la nostra esistenza.

Gli artisti chiamati a partecipare, con le relative opere, sono:

Enrica Borghi, Nomade;

Elisa Caldana, Shutter Street;

Ugo La Pietra , Storie di verde pubblico;

Piero Gilardi, Resilience;

Pep Marchegiani, Mangiami;

Nunzio, Senza Titolo -2004, Senza Titolo -2005;

Michelangelo Rossino, Opera Phoenix;

Enrico Iuliano, Composizione per vespa e secchi;

Andrea Massaioli, Pesci;

Luisa Stoisa, La luna nel secchio.

E con questo post La Città Vegetale vi da appuntamento al 2020. Tanti auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *